Recensioni




Recensioni Escursionismo iconPAS DE LS CAVALE

Pubblicata il 07 Ott 2014 da Eugenia Taberna

Meteo no, meteo si, meteo no, meteo Siiii !!!

Come si usa fare con la margherita, questa frase ci siamo ripetuti durante l'intero viaggio in auto. Ebbene, giunti al colle della Maddalena, un bel vento freddo ci ha offerto meteo SI. Altro che "la Francia fabbrica delle nuvole" diceva una vecchia guida!

In diciassette partecipanti, dopo vari compattamenti strada facendo, abbiamo iniziato il percorso nel lunghissimo Vallone del Lauzanier puntando sempre gli occhi sulla nostra meta. Iniziata la salita siamo giunti al primo lago quello che prende il nome del Vallone. Poi abbiamo raggiunto il secondo chiamato Derrière La Croix e subito dopo il terzo "innominato" perchè minuscolo. Lungo il percorso incontro ravvicinato con una bella marmottona.

Ultima fatica il traverso lungo le pendici del gruppo Enciastraia e Rocca tre Vescovi ed eccoci, in perfetta tabella di marcia, al Pas de la Cavale (mt 2671). Il tempo sul variabile ci ha concesso di pranzare sul colle ed ammirare la dolomitica Rocca TreVescovi e il versante quasi lunare della Val Tinée e Val di Var e la gradita apparizione di alcuni stambecchi e camosci.

Anche il ritorno si è svolto senza effetti meteo rilevanti ma, appena giunti alle auto, ci ha colpito una fortissima "cascata" di pioggia!Insomma TUTTO CALCOLATO!!!

Grazie a tutti i partecipanti, in particolare a Piero per le foto e...alla prossima!

Eugenia T.

DSC08967[1].JPGCopy_of_DSC08972[1].JPGDSC08974[1].JPG




Recensioni Escursionismo iconVISO MOZZO - 14 Settembre 2014

Pubblicata il 15 Set 2014 da Eugenia Taberna

Grande successo per la gita sociale escursionistica!

Dopo un rinvio per maltempo, un annullamento (pensando di non poterla più inserire nel programma annuale)....ecco che si presenta l'occasione.

In accordo con Angelo, mio "sostenitore" in questa prima da capogita, domenica 14 settembre SI VA!!

L'inizio delle iscrizioni è un po' fiacco ma, al momento della partenza, il conteggio segna 27 partecipanti(sentier facendo ci raggiungerà anche Riccardo, il nostro amico di Torino).

Si parte destinazione Pian del Re. Il meteo sembra favorevole ma si sa il "re di pietra" non si concede facilmente e la nostra meta è ancora lontana. Il lago Chiaretto lo ammiriamo dall'alto mentre i primi batuffoli di nebbia cominciano ad annunciarsi.

Al colle del Viso, il tradizionale the di Angelo ci rinfranca per affrontare la parte finale ma più dura.....ora si sale....si sale.

Quella strana croce di vetta si vede solo all'ultimo....siamo in cima!!!

Il Viso Mozzo è una splendida finestra sul gigante davanti a noi ed un balcone sulla pianura, la nebbia però è salita ed il panorama lo immaginiamo!! L'entusiasmo comunque non manca; si stappano bottiglie e si festeggia il compleanno di Flora. Il Monviso riappare per poco, come per salutarci...

Scendiamo, alcune brevi soste per ricompattarci e giù sino al parcheggio.

Sarà un caso se ho scelto le sorgenti del Po per il mio battesimo da capogita???

Un grazie di cuore a tutti ed in particolar modo ad Angelo.

Alla prossima  Gabry

PS:  Complimenti da parte dei partecipanti e...che RECORD!!!

Eugenia

Viso_Mozzo.jpg




Recensioni Escursionismo iconGiro ad anello Bivacco F.lli Leonessa - Rifugio Vittorio Sella - 12/13 Luglio 2014

Pubblicata il 18 Lug 2014 da Eugenia Taberna

Come sempre gli amici Geatini sono stati all'altezza della situazione!

Con la bella gita intersezionale di due giorni, la sezione Cai Savona e la Sottosezione Geat Torino hanno portato a compimento quanto programmato circa un anno fa.

La prima giornata da Valnontey al Bivacco F.lli Leonessa si è svolta in buona parte con tempo minaccioso e pioviggine (come dicono i meteorologi!). Giunti ai Casolati Herbetet il "barista" Angelo ci ha riscaldati con le sue svariate qualità di caffé, té ed infusi.

Durante il tragitto abbiamo avuto un incontro piuttosto ravvicinato con un folto branco di camosci con i loro cuccioli. Ultimo tratto verso il bivacco alquanto difficoltoso a causa della presenza di neve molle ed abbondante.

La sera, dopo esserci sistemati ognuno nel proprio giaciglio ed avere provveduto alla posa degli zaini, abbiamo cenato con un buon risotto, formaggi e salumi il tutto innaffiato da Arneis!

Il tempo anche durante la notte non è stato clemente.

Il secondo giorno, all'alba c'era un nebbione che sembrava di essere "nell'acqua e anice" ma, durante la discesa, il tempo è migliorato permettendoci di ammirare le belle vette circostanti stracolme di neve e consentendoci di percorrere l'intero anello lungo il sentiero balcone.

Giunti a Pian Resello il gruppo si è soffermato ad ammirare l'intera vallata sottostante e a meditare sulla targa in memoria del guardiaparco Renzo Videsott.

Giunti al rifugio Vittorio Sella abbiamo incontrato Silvia e Giancarlo (amico del campeggio di Lillaz) e pranzato insieme.

Perfettamente in tabella di marcia siamo giunti al parcheggio di Valnontery alle ore 16.00

Rivolgo un sincero e caloroso ringraziamento a tutti i Geatini ed in particolare al Super Presidente per essersi prodigati nella messa a punto del bivacco al fine di accogliere in esclusiva gli amici savonesi.

partecipanti:

Cai Savona: Angelo Abate - Carlo Sommariva - Eugenia Taberna - Gabriella Tirabosco - Riccardo Poglio(Torino) - Sofia Fresia e Ugo Buscaglia

Geat Torino: Gianfranco Rapetta 

DSCN3458.JPG




Recensioni Escursionismo iconCORNI di CANZO 7/8 giugno 2014

Pubblicata il 13 Giu 2014 da Eugenia Taberna

Ecco.....come da qualche anno a questa parte, pronta a partire per la rituale gita con gli ormai amici del Cai di Bizzarone. Sono sempre entusiasta di partecipare a questi incontri: nuovi panorami, gente simpatica ed accogliente, cibo ottimo.....insomma, una garanzia!

Partiamo in cinque da Savona (Eugenia Lucia Lino Aldo e la sottoscritta); a Como troveremo Alessandro, altro savonese di residenza ma per lavoro a Milano.

<riunitici con gli amici di Bizzarone, Canzo e Varallo Sesia (totale 16 partecipanti) arriviamo al nostro punto di partenza: Fonte Gajum(Canzo). La giornata è molto calda ma la comitiva allegra e desiderosa di mettersi in cammino. Lungo il primo tratto del sentiero geologico Egidio, amico del Cai di Lecco, ci illustra le varie tavole sulla peculiarità dell'ambiente che stiamo attraversando....intanto ci godiamo il fresco del bosco e dell'acqua! La zona è costellata di rifugi, molti privati, per cui non fatichiamo a a rifocillarci e soprattutto dissetarci, visto l'assenza successiva di fonti dovuta al carsismo. Il rifugio che ci accoglie é in posizione panoramica, sottoa il monte Cornizzolo che raggiungiamo dopo una breve sosta. Data l'ora e il caldo, un po' di foschia ma vista a 360°......laghi, monti, paesi, il tutto allietato dal volo dei colorati parapendii. La cena si fa attendere, siamo affamati e facciamo onore all'ottimo menu! 

La domenica salita al Monte Rai, attraversamentoa di una zona ricca di carsismo, fossili e della più spettacolare orchidea(credo spontanea) mai vista!  raggiungiamo i Corni che fino ad allora ci apparivano da lontano e scendiamo al sottostante rifugio per il pranzo. Intanto il caldo si fa sentire e le bottigliette d'acqua vanno via come il pane! Ammiriamo ancora una volta Grignone, Grignetta e Resegone, meta di gite passate.Riprendiamo il cammino per raggiungere il primo rifugio incontrato ieri e ritornare alla fonte Gajum, dove abbiamo le macchine. Qui dolci e prosecco per esteggiare.

Un grazie a tutti soprattutto ad Eugenia ed Antonello.....e TORNEREMO PER SCOPRIRE IL MISTERO DELLA POLENTA TARAGNA1

by Gabry 




Recensioni Scialpinismo iconGITA SOCIALE Cima di Entrelor Val di Rhemes

Pubblicata il 31 Maggio 2014 da Emanuele Berta

La cima di Entrelor non è stata raggiunta né vista da lontano, complice un tempo decisamente più inclemente del previsto.

L'entusiasmo di Adolfo, Claudio, Floro, Laura, Luca, Marco, Maurino, Rino, Sandro, Silvano, Silvia e dei due direttori Liliana e Giovanni si è arrestato a 2800 m di altitudine, dove neve e nebbia hanno indotto alla ritirata.

La gita era iniziata allegramente con la cena all'hotel Chez Lidia di Rhemes Notre Dame il sabato sera in compagnia anche di Donatella, Giulia, Marisa e Patrizia.

Nella notte il peggioramento, sarà per un'altra volta... e pensare che chi scrive (Giovanni) aveva salito la cima di Entrelor 36 anni fa, prima gita significativa di sci-alpinismo della sua carriera.

Al ritorno ci siamo consolati festeggiando con torta e spumante il 40° anniversario di nozza di Marisa e Rino.

Giovanni Selis    




<< Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 Prossimo >>

 

Design downloaded from free website templates.